VITERBO - (UnoNotizie.it) - “Dalla Provincia un impegno forte per risolvere una situazione difficile. Ma c’è bisogno di iniziative congiunte tra Regioni, Province, Comuni interessati e parlamentari eletti nei rispettivi territori”. Così il presidente della Provincia di Viterbo, Alessandro Mazzoli, ha risposto alla richiesta dei viaggiatori su ferro, nel corso dell’assemblea del comitato pendolari Roma-Firenze, svoltasi nei giorni scorsi a Orvieto.

 

“Per i cittadini – dice Mazzoli – la situazione è molto difficile: quello del pendolarismo è fenomeno sociale per decine di migliaia di persone. E poi si sta verificando un paradosso: il tema dell’alta velocità, che sulla carta dovrebbe rappresentare una grande opportunità di sviluppo, sta diventando invece il principale motivo del peggioramento della qualità della vita, mettendo in discussione il diritto alla mobilità e segnando una flessione nella qualità anche dei viaggi da e verso la Capitale”.

 

Non manca inoltre un problema serio di relazioni, in particolare con Trenitalia, “passata da una logica di servizio – continua Mazzoli – a quella del profitto. Così, ci troviamo di fronte a un’Italia che viaggia in serie A una che viaggia in serie B: proprio quella dei pendolari. Francamente, non mi sembra una situazione da paese civile”.

 

All’iniziativa erano presenti tutti i livelli istituzionali, cui è stata rivolta la proposta da portare avanti in maniera unitaria. “Oltre all’adesione degli enti locali alla protesta di pendolari e cittadini – spiega ancora il presidente - è importante che sia messa in campo un’iniziativa congiunta, basata su un documento unico da approvare nei vari consigli comunali, su una richiesta comune nei confronti del ministero dei Trasporti e di Trenitalia, affinché si giunga a un tavolo nazionale per risolvere il problema”.

 

Ma per questo è necessario anche il lavoro delle Regioni Lazio, Umbria e Toscana, oltre che dei parlamentari eletti nei rispettivi territori. “Insomma – conclude Mazzoli – serve una mobilitazione generale. Anche perché soprattutto la Tuscia viterbese sta subendo un ulteriore grave danno, dopo i tanti problemi vissuti negli anni in merito ai nostri collegamenti con la Capitale”.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...