ANCONA (UNONOTIZIE.IT) E’ importante evitare il rischio della ritualità di un solo giorno, ma celebrare con tutta la comunità marchigiana un evento nella sua tragica unicità, da non dimenticare mai. Questo è il messaggio emerso durante la presentazione della Giornata della Memoria da parte del presidente del consiglio regionale, Raffaele Bucciarelli e dell’assessore regionale Vittoriano Solazzi. Presenti, tra gli altri,  il presidente del consiglio provinciale di Ancona, Luciano Antonietti e il vice presidente della provincia di Ascoli Piceno, Cinzia Peroni.

Molte le iniziative che si svolgeranno in tutte le Marche per ricordare  le persecuzioni subite dal popolo ebraico avvenute più di sessant’anni fa.  Quest’anno per commemorare la deportazione, la prigionia e la morte di milioni di vittime innocenti, ad Ascoli Piceno il prossimo 3 febbraio, dalle 10,00 in poi, si realizzerà la visita  guidata al campo di Servigliano, dove all’epoca venivano internati gli ebrei delle nostre zone prima di essere trasferiti ad Auschwitz e nel pomeriggio (dalle 17.00 in poi), presso la sala consiliare della provincia di Ascoli Piceno, è stato organizzato il convegno “Attraverso i lager nazisti in Austria: un viaggio di formazione”. In serata, invece, al Teatro Ventidio Basso della città ci sarà il concerto per la pace con un gruppo musicale israeliano.

“C’è un bisogno generale di riflettere su questa giornata – ha detto Bucciarelli - non solo per condannare gli orrori compiuti dai nazisti, ma anche per difendere la democrazia del nostro pianeta, per creare le condizioni ottimali di riconoscimento di tutte le persone”.

Sulla stessa scia del presidente del Consiglio regionale anche Solazzi ha voluto sottolineare “l’importanza di vivere questa giornata con l’obiettivo di non dimenticare”.

 “Il ricordo di chi ha vissuto i momenti drammatici, tristi e orribili della storia dell’umanità - ha sottolineato l’Assessore - deve essere condiviso con le giovani generazioni. Non dobbiamo mai stancarci di dire che la democrazia, la pace e la libertà sono un fatto acquisito,  ma sono quelle cose che ci conquistiamo giorno dopo giorno. Dobbiamo puntare al rispetto, alla tolleranza, all’attenzione verso gli altri e al ripudio di qualsiasi forma di violenza fisica e mentale. Ancora ci sono focolai, tragedie vissute in tutto il mondo in questo preciso momento in cui noi stiamo ricordando la storia. Pagine che non si sono mai concluse come la situazione in atto tra la Palestina e Israele. Per questo tutte le istituzioni non possono essere assenti e quotidianamente dobbiamo ricordare gli orrori avvenuti perché simili tragedie non abbiano mai più a ripetersi”.

 

 

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...