RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

 

 

Caro Mazzola,

 

invece di pensare al mio pane quotidiano pensi al suo, e cerchi di guadagnarselo.

Lei che ha svenduto per un pugno di dollari la città di TARQUINA e trattando l'indennizzo per la riconversione a carbone è, nei fatti, l'unico sindaco che ha dato un prezzo alla salute e all'economia dei tarquiniesi, lei che denuncia i cittadini onesti che fanno oneste rimostranze (mamme, agricoltori e imprenditori turistici), lei che è così “democratico” e delibera di concedere la sala comunale solo alle manifestazioni patrocinate dal Comune; evidentemente si è dimenticato che, in campagna elettorale, prometteva che il Comune sarebbe stato una casa trasparente! Sarebbe lei l'amico in Comune?

E allora, caro amico in Comune, dopo due anni di amministrazione, dov'è l'area destinata alla Fiera promessa in campagna elettorale? A che punto è la zona industriale? Oltre ad abolire l'assessorato dedicato, che cosa ha fatto per il lido? Perché non c'è ancora il metano? E la lottizzazione di San Giorgio che rimetterebbe in movimento l'economia del territorio? Non era lei che aveva promesso di far diventare gratuito il parcheggio a pagamento della Barriera S. Giusto? E la costosissima ex cartiera (costata 1 miliardo e mezzo di lire proprio quando lei era assessore) sarà sempre e solo un luogo di sosta? E il pomodorificio, del quale si è occupato insieme ai suoi amici della Regione (a cominciare dall'Assessore Valentini, e il consigliere regionale dalle cui labbra pende) che non sono riusciti in 4 anni a far partire nemmeno un bando per il piano di sviluppo rurale, e a pagare il pregresso: mi pare che sia ancora chiuso? E il suo pugno duro contro gli atti vandalici in paese? Non basterebbe la carta per dire cosa la sua amministrazione, notoriamente immobile, NON HA FATTO per le manifestazioni tradizionali e culturali a Tarquinia.

Se è stato costretto a modificare il regolamento comunale e ridurre il numero per costituire validamente l'adunanza, è evidente che teme, e fa bene, anche i suoi sostenitori in Consiglio che sono sempre meno, come sempre meno sono gli elettori della sua coalizione a livello comunale, regionale e nazionale.

E, infine, le ricordo che, invece di fare il “teatrante”, è suo dovere sapere come Sindaco, informandosi direttamente da loro, chi sono e cosa fanno le persone che accedono nelle aree non private del suo Comune.

 

                                                                                                                                Sen. Laura Allegrini

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...