UGENTO -LECCE (UnoNotizie.it)

Era prevista nella puntata del 16 febbraio, su "Chi l'ha visto?" in onda su Rai tre, la seconda puntata della ricostruzione dell'omicidio di Peppino Basile in cui si sarebbero dovute ripercorrere le varie piste d'indagine con l'introduzione di alcuni importanti elementi di novità. La puntata Rai prevedeva, tra le altre, le dichiarazioni di Bruno Colitti, imprenditore che si è autodenunciato indicando la presenza di rifiuti tossici nel sottosuolo della discarica di Ugento, (importante comune del Salento in provincia di Lecce), di vari amici di Peppino Basile, del Sindaco di Ugento Eugenio Ozza e del direttore del Tacco d'Italia, Maria Luisa Mastrogiovanni.


In particolare, l'intervista al direttore del Tacco d'Italia riguardava la clamorosa scoperta, realizzata dall'attento giornale, dell'esistenza, nei pressi di Burgesi, di un centro di stoccaggio di rifiuti, di proprietà del Comune di Ugento, realizzato con fondi pubblici pari a 5 miliardi 300 milioni di lire, e mai utilizzato, che oggi versa in stato di abbandono ed è completamente vandalizzato.
Il direttore riferiva anche di un dettaglio inquietante relativo alle ultime ore di vita di Peppino Basile: nella sera in cui fu ucciso questi si era recato a fare un sopralluogo proprio presso il centro di stoccaggio, del quale da pochi giorni aveva scoperto l'esistenza.
La seconda puntata del servizio, che già aveva subito uno slittamento in quanto era prevista per lunedì scorso, era stata presentata dalla conduttrice della Rai Federica Sciarelli, secondo la quale sarebbe andata in onda il 16 febbraio.


Non si conoscono i motivi di questo "cambio di programma".

Si sospetta, però, che sia arrivata la telefonata di un potente politico di livello nazionale vicino all'amministrazione di Ugento che potrebbe aver inficiato la messa in onda.
Peppino Basile è scomodo anche da morto.
Il Tacco d'Italia invita i frequentatori del forum, e tutti i lettori del Tacco, a chiedere conto alla RAI, redazione di "Chi l'ha visto?", telefonando ai seguenti numeri:
06.3878 (centralino Rai): chiedere della redazione di "Chi l'ha visto?";
06.8262: per lasciare un messaggio in segreteria.

Intanto don Stefano Rocca, parroco di Ugento, attraverso il  quotidiano on line, dà seguito all'appello lanciato lo scorso sabato ai frequentatori dei forum, invitandoli ad incontrarsi giovedì 26 febbraio alle ore 20, presso l'oratorio Don Bosco di Ugento.
Il Tacco d'Italia sostiene il comitato "Io conto" e l'azione di
don Stefano in favore della legalità in Puglia, non solo ad Ugento, ma in tutto il Salento.
All'appuntamento saranno presenti il direttore ed i giornalisti del Tacco d'Italia.

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...