Sono due i progetti, finanziati entrambi dalla Provincia di Nuoro e che verranno realizzati nel 2010, che permetteranno dimigliorare l’assistenza alle persone non vendenti. Il primo è oggetto del protocollo di intesa firmato dal Presidente della Provincia di Nuoro Roberto Deriu e dal Sindaco di Osidda Giovanni Mossa e prevede il recupero e la ristrutturazione di un edificio nel comune che verrà adibito a casa di riposo per anziani non vendenti.
Sarà l’unica in Sardegna, la quarta in Italia, la realizzazione costerà 660 mila euro, 150 mila dei quali messi a disposizione dalla Provincia, potrà accogliere 15 anziani non vendenti e darà lavoro a sette persone.

L’obiettivo della Provincia e del Comune è dare un servizio di grande qualità agli anziani non vendenti della Sardegna e della penisola, migliorando contemporaneamente la qualità della vita del piccolo comune grazie ad un intervento di valorizzazione sociale che permette la creazione di nuovi posti di lavoro e contrastacosì lo spopolamento. “Quello che ci offre la Provincia di Nuoro è un contributo importante - ha spiegato il Sindaco di Osidda, Giovanni Mossa - che ci consentirà di valorizzare un territorio svantaggiato e colpito profondamente dallo spopolamento. Con la realizzazione della casa di riposo per anziani a Osidda, l’unica in tutta la provincia, la popolazione avrà finalmente una risposta concreta anche a livello occupazionale grazie all’assunzione di nuovi operatori e figure professionali, adeguatamente formate, che non saranno più costrette ad abbandonare il territorio”.
 
“Una tappa importante e fondamentale per la Provincia di Nuoro -così ha definito l’iniziativa il Presidente della Provincia di Nuoro, Roberto Deriu - un’azione a difesa dei suoi confini. Nella lotta allo spopolamento, obiettivo prioritario per la Provincia, interveniamo mettendo a disposizione un servizio unico in un paese e in un territorio che ha la necessità di un forte sostegno esterno per ritrovare la sua identità. Questo progetto - conclude Deriu - è il frutto di una positiva e virtuosa capacità di programmazione”.Il secondo progetto, “Pizzinnos bienne chin sas manos”, interesserà due bambini non vendenti della provincia di Nuoro e le loro famiglie. Promosso dal Garante dei Minori della Provincia ed affidato per le attività alla sezione di Nuoro dell’Unione Italiana Ciechi,ha come obiettivo il miglioramento nei due bambini della capacità di orientamento, di autonomia e diapprendimento ed il potenziamento degli altri sensi.

Il progetto, della durata di 12 mesi, si articolerà in diversi moduli, con lezioni di braille, di autonomia personale e domestica e corsi di nuoto, considerato il gioco/sport con il quale meglio il bambino non vedente acquista conoscenza del proprio corpo. L’obiettivo è insegnare ai due bambini a “vedere” con le mani, ovvero ad elaborare strategie cognitive diverse che permetteranno lorodipercepire l’ambiente nella sua complessità,per riordinarla e per conferirgli una struttura.

Per le famiglie sono previsti corsi di braille e di istruzione legale sulla situazione dei ciechi in Italia. Il costo, interamente finanziato dalla Provincia di Nuoro, è di circa 25000 euro. “Si tratta di una politica territoriale concreta – ha spiegato l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Tonino Ladu -in linea con tutta la programmazione della Provincia di Nuoro che, già in passato, ci ha visti impegnati in diverse iniziative volte a sostegno dei più deboli”. Grande soddisfazione è stata espressa dal Garante dei Minori della Provincia di Nuoro, Salvatore Solinas, che si impegna a sostenere e supportare il progetto nelle sue diverse fasi, dal Presidente regionale dell’Unione Italiana Ciechi, Pietro Manca e dal Presidente dell’Unione Ciechi di Nuoro, Paolo Casula.

“L’iniziativa sostenuta dalla Provincia di Nuoro risponde ad una esigenza sentita nel territorio, seppur non dalla maggioranza. - Ha dichiarato Pietro Manca - Quella che presto verrà realizzata ad Osidda sarà una struttura unica nel suo genere in tutta la Sardegna, tra le poche esistenti in tutta Italia, e sarà motivo di orgoglio per tutti noi. È un traguardo importante raggiunto grazie alla sensibilità e alla grande attenzione della Provincia di Nuoro che si è fatta carico di supportarci e accompagnarci in un percorso difficile e sempre più articolato”.  

Commenti

  nessun commento...
add
add

Altre News Sociale

ALCUNE PAROLE NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIA, LESBOFOBIA, BIFOBIA E TRANSFOBIA

Il pregiudizio e la persecuzione di cui tanti esseri umani continuano ad essere vittima per la loro...

Italia, apartheid: lettera aperta alle forze politiche democratiche

Gentilissime e gentilissimi dirigenti e rappresentanti delle forze politiche democratiche presenti...

Scossa di terremoto Roma, epicentro della scossa di terremoto vicino Roma

UTLIME NOTIZIE SCOSSA DI TERREMOTO ROMA – Terremoto di magnitudo 3.3 alle ore 5.03 a Roma. La...

Il Professor Fabrizio di Giulio ed il suo ultimo libro, L'OCEANO DENTRO

Un libro ricco di riflessioni sull’agire dell’animo umano è l’ultimo lavoro del Professor...

Addio al Professor Fabrizio di Giulio, il grande neuropsichiatra che parlava al cuore

Ci ha lasciato, all'età di 98 anni il Professor Fabrizio Di Giulio, famoso neuropsichiatra e...

Toscana, a Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop

A Pitigliano sarà costruito un nuovo supermercato Coop, nell’area situata tra via Brodolini e...

25 Aprile 2020, Festa della Liberazione: popolo senza memoria è un popolo senza futuro

  ORTE (Viterbo) Per la prima volta, i cittadini festeggeranno il 25 Aprile nelle...

TRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONE DEL CENTRO DI RICERCA PER LA PACE

Nella foto Alfio Pannega con Osvaldo ErcoliTRE ANNIVERSARI E UNA MEDITAZIONEIn un fazzoletto di...